Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
Home / Casa / Canone Rai: autocertificazione entro il 16 maggio

Canone Rai: autocertificazione entro il 16 maggio

Nonostante il parere del Consiglio di Stato che, solo pochi giorni fa, ha riscontrato diverse criticità del regolamento attuativo del decreto sul canone televisivo, le procedure vanno avanti.

canone

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate ha deciso di prorogare il termine di presentazione della dichiarazione sostitutiva inerente il Canone Rai. Questa volta si tratta di una data unica, sia per le dichiarazioni cartacee (tramite raccomandata) che per le dichiarazioni online: i cittadini italiani che non possiedono l’apparecchio televisivo hanno quindi tempo fino al prossimo 16 maggio per trasmettere il documento. Solo inviando l’autocertificazione entro questa data, i contribuenti eviteranno l’addebito del Canone Rai nella bolletta elettrica, procedura che avrà inizio il prossimo luglio.

La decisione resa nota in data odierna da un comunicato della Rai e dell’Agenzia delle Entrate prende in esame e aggiorna le istruzioni inerenti la compilazione del modello. È stata infatti aggiunta una specifica su cosa si intende per apparecchio televisivo (così come definito dalla nota n. 9668 del 20 aprile 2016 del Ministero dello Sviluppo Economico). Nonostante le modifiche apportate al modello, rimangono ovviamente valide le dichiarazioni presentate fino ad oggi con la vecchia modulistica.

Ricordiamo che la legge di Stabilità 2016 ha introdotto la presunzione di detenzione di un apparecchio televisivo in tutti i luoghi in cui è presente un’utenza elettrica. Il contribuente ha comunque la facoltà di dichiarare il mancato possesso della TV tramite applicazione web (accedendo al portale dell’Agenzia delle Entrate usando le proprie credenziali Fisconline e Entratel) o attraverso un intermediario abilitato. Qualora non sia possibile effettuare l’invio telematico, si potrà inviare lo stesso modello e un documento d’identità all’Agenzia delle Entrate di Torino (è necessario in questo caso l’invio di un plico raccomandato senza busta).

Autore: Marco Bruzzone

26 anni, diplomato all'istituto tecnico industriale (indirizzo informatico) di Genova, si appassiona fin da subito al mondo della tecnologia e di internet. A Novembre 2015 fonda il sito StreetPost.it dove attualmente collabora come web master e copywriter.

Leggi Anche

Canone Rai in bolletta: il Consiglio di Stato boccia il decreto

Non bastavano tutte le perplessità dei cittadini italiani che si troveranno a pagare il Canone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *