Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
Home / Affari / Giornata della Terra: all’Onu si firma accordo sul clima

Giornata della Terra: all’Onu si firma accordo sul clima

Oggi si celebra la Giornata Mondiale della Terra e al Palazzo di Vetro dell’Onu si firma l’accordo sul clima. La storica intesa è stata raggiunta a Parigi nel dicembre 2015 al fine di salvare il pianeta Terra dal riscaldamento globale.

giornata della terra

La cerimonia vedrà la partecipazione di ben 165 capi di Stato o di governo. Tutti sigleranno l’accordo contro il global warming quale impegno ufficiale a perseguire il comune obiettivo di rimanere sotto ai due gradi di incremento della temperatura rispetto alle soglie pre-industriali. Di più, sarebbe auspicabile restare sotto un grado e mezzo. Almeno a sentire gli scienziati che perorano questa causa a grande voce: solo così si potranno scongiurare catastrofi. Per l’Italia saranno presenti il premier Matteo Renzi e il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti.
Dopo le firme nella cornice dell’Onu, ogni nazione sarà chiamata a ratificare l’intesa a livello locale. In Italia quindi si dovrà attendere l’ok del Parlamento.

Al fine di porre un freno all’aumento del global warming si devono ridurre, e poi azzerare completamente entro la metà di questo secolo, le emissioni di gas a effetto serra; si deve quindi frenare l’utilizzo di combustibili fossili e, di conseguenza, puntare sulle energie rinnovabili. Fondamentale l’apporto delle piante che assorbono l’anidride carbonica provocata dai veicoli, dal riscaldamento degli immobili, dalle fabbriche.

Protagoniste della Giornata della Terra, ricorrenza nata negli USA nel 1970, le foreste. La quarantaseiesima edizione, celebrata in 192 nazioni, si è posta l’obiettivo di piantare 7,8 miliardi di piante (una pianta ogni abitante della Terra) da qui al 2020. Gli scienziati ricordano che necessitano 96 alberi per assorbire l’anidride carbonica generata da ciascuna persona.

Maurizio Martina, ministro delle Politiche Agricole, ha commentato l’iniziativa con queste parole:

La giornata mondiale della Terra è un’occasione utile per discutere di questioni globali cruciali sulle quali servono interventi urgenti. A partire dallo spreco alimentare con l’Italia in prima fila in questa battaglia di civiltà.

Autore: Marco Bruzzone

26 anni, diplomato all'istituto tecnico industriale (indirizzo informatico) di Genova, si appassiona fin da subito al mondo della tecnologia e di internet. A Novembre 2015 fonda il sito StreetPost.it dove attualmente collabora come web master e copywriter.

Leggi Anche

YouTube: pochi profitti ma miliardi di utenti

Sembra paradossale ma miliardi di contatti non corrispondono a profitti fantasmagorici. È il caso di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *