Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
Home / Affari / Investimenti nelle rinnovabili per 10 miliardi di euro

Investimenti nelle rinnovabili per 10 miliardi di euro

Lo scorso anno gli investimenti italiani nelle energie rinnovabili hanno toccato quota 10 miliardi di euro. Sono state effettuate140 operazioni (pari a 6.231 Megawatt) con un aumento del 31% rispetto al 2014.

energie-rinnovabili

Gli investimenti sono stati realizzati soprattutto all’estero, in Sud America e in Africa su tutti. L’incremento si deve in particolar modo all’eolico; cresce anche l’efficienza energetica mentre calano il fotovoltaico e le biomasse. Questo è quanto emerge dal rapporto Irex, ovvero l’indice delle società quotate nel mercato italiano che si occupano di rinnovabili.

Dal report “La trasformazione dell’industria italiana delle rinnovabili tra integrazione e internazionalizzazione” elaborato da Althesys (società di consulenza strategica focalizzata su energia,ambiente ed utility) si evince che i dieci principali operatori in Italia hanno messo sul piatto il 46% degli investimenti, pari al 51% della potenza. Le operazioni fatte all’estero ammontano al 46% per 2.961 Megawatt.

La crescita interna si deve all’eolico: le operazioni in questo campo rappresentano il 67,6% della potenza installata lo scorso anno (1.624 MW, pari ad un + 58% rispetto all’anno precedente) e hanno richiesto investimenti per 2,4 miliardi di euro. Gli investimenti nel fotovoltaico sono diminuiti del 35% rispetto al 2014, per un monte complessivo di 359 Megawatt; calano anche quelli in biomasse (-56% per quanto concerne la potenza). Biogas e biometano non riescono a decollare. Cresce invece il comparto dell’efficienza energetica: i progetti hanno toccato il 17% del totale degli investimenti (contro il 5% del 2014).

Il coordinatore della ricerca nonché responsabile di Althesys, Alessandro Marangoni, commenta il rapporto con queste parole:

Il mercato dell’energia è in continuo mutamento: le imprese sono chiamate oggi ad affrontare una nuova sfida: quella della digitalizzazione delle reti elettriche, che sta facendo nascere anche in Italia nuovi e innovativi modelli di business, in grado di unire energie rinnovabili, efficienza energetica e nuovi servizi.

Autore: Marco Bruzzone

26 anni, diplomato all'istituto tecnico industriale (indirizzo informatico) di Genova, si appassiona fin da subito al mondo della tecnologia e di internet. A Novembre 2015 fonda il sito StreetPost.it dove attualmente collabora come web master e copywriter.

Leggi Anche

YouTube: pochi profitti ma miliardi di utenti

Sembra paradossale ma miliardi di contatti non corrispondono a profitti fantasmagorici. È il caso di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *