Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
Home / Lavoro / Lavoro: a 40 anni meglio il part time

Lavoro: a 40 anni meglio il part time

Qual è il giusto lasso di tempo da dedicare al lavoro per essere produttivi? Secondo uno studio giapponese, gli ultra quarantenni dovrebbero lavorare solamente tre giorni alla settimana.

part-time

La ricerca rivela che le donne e gli uomini che hanno superato i 40 anni d’età risultano essere molto più produttivi se lavorano meno giorni. Questo perché le loro funzioni cognitive subiscono un calo fisiologico dopo molte ore di lavoro. Di conseguenza, la settimana lavorativa dovrebbe ridursi ad un part time di 25 ore (ovvero tre giorni su cinque).

Il Times di Londra dedica allo studio un approfondimento e spiega come è stata svolta la ricerca. Scopriamo così che quest’ultima si è svolta in Australia: qui i ricercatori hanno preso in esame un campione di 3mila uomini e 3.500 donne ultra quarantenni. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad alcuni test sotto pressione. Ebbene, è stato provato che coloro che hanno prestato servizio solo per 25 ore settimanali hanno raggiunto un punteggio più alto di tutti gli altri. I disoccupati, invece, hanno raggiunto punteggi più bassi del 15% o addirittura del 25%. Coloro che hanno lavorato 40 ore settimanali hanno avuto punteggi ancora più bassi e coloro che hanno operato per più di 40 ore punteggi di molto inferiori a quelli dei disoccupati.

Con questi dati, i ricercatori giapponesi a quale evidenza sono addivenuti? Una considerazione molto semplice: sia lavorare eccessivamente che non lavorare affatto fa male al cervello umano. Il lavoro viene visto infatti come una lama a doppio taglio: da una parte funziona da stimolo per l’attività cerebrale, dall’altra parte genera fatica e stress, fattori che possono alterare le funzioni cognitive. E, soprattutto dopo i 40 anni, le capacità cognitive devono essere al massimo se si vuole raggiungere un risultato.

Il professor Colin McKenzie, docente di economia alla Keio University, ribadisce che:

il livello di stimolazione intellettuale sembra dipendere dalla quantità di ore lavorate, particolarmente per persone di mezza età o età avanzata.

Autore: Marco Bruzzone

26 anni, diplomato all'istituto tecnico industriale (indirizzo informatico) di Genova, si appassiona fin da subito al mondo della tecnologia e di internet. A Novembre 2015 fonda il sito StreetPost.it dove attualmente collabora come web master e copywriter.

Leggi Anche

Creatività e hobby si sviluppano grazie al Web

Internet ha offerto a molte persone la possibilità di mettere a frutto la propria creatività …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *